Caricabatterie Nintendo Switch: la nostra guida all’acquisto

Caricabatterie Nintendo Switch: la nostra guida all’acquisto

N.B. Questa guida all'acquisto, proprio come tutte le altre, è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo.

Nintendo Switch è compatibile con molti tipi di caricatori, senza bisogno di utilizzare obbligatoriamente quello fornito da Nintendo. In Caricabatterie Nintendo Switch spiegheremo le caratteristiche di questo tipo di prodotti, quali considerazioni bisogna fare per orientarsi durante l’acquisto e offriremo un gruppo di prodotti che rappresentano il meglio acquistabile online.

Caricabatterie Nintendo Switch: quale comprare

L’ultima console di Nintendo è un particolare esempio di console ibrida in grado di sfruttare sia lo schermo integrato per il gioco in mobilità che il dock con uscita HDMI per il gioco da divano. Il sistema è alimentato da una batteria agli ioni di litio da 4310mAh, batteria che viene ricaricata attraverso la presa USB-C sul fondo del tablet (mentre invece i Joy Con vengono ricaricati automaticamente dalla console una volta agganciati nella configurazione portatile). Se a prima vista è vero che potrebbe andar bene qualunque caricatore compatibile con prese di quel tipo, ci sono alcune considerazioni da fare prima di procedere all’acquisto o di utilizzare un caricatore che già possiedi; per questo abbiamo preparato una guida ai caricabatterie Nintendo Switch che spiega rischi e benefici dei vari modelli.

Come caricare Nintendo Switch

La cosa più importante da sapere è che la console limita l’energia ricevuta a seconda del tipo di caricatore o cavo utilizzato. È quindi necessario fare attenzione a questo dettaglio quando scegli quale caricatore inserire nella presa. I cavi USB A>C non riescono infatti a fornire abbastanza energia per caricare la console durante il gioco, finendo solamente per ridurre la velocità a cui si scarica. Se possiedi un adattatore generico assicurati quindi di stare usando la presa USB-C e un cavo USB C>C. Ovviamente, tieni sempre a mente che il consumo di energia dipende anche dal gioco. Ciò non significa che altri tipi di caricatori siano inutilizzabili, anche se ci sono eccezioni, ma che potrebbero caricare la console solo se spenta o se in modalità riposo.

Detto ciò, abbiamo selezionato modelli diversi per scopi diversi, spiegando il meglio possibile le loro caratteristiche e per quale motivo dovresti voler scegliere o evitare un certo prodotto. Abbiamo cercato di rispondere preventivamente a ogni dubbio che potresti avere, ma se ci fosse ancora qualcosa di poco chiaro o se avessi domande specifiche siamo a tua disposizione nei commenti a fondo pagina!

Caricabatterie Nintendo Switch: i modelli su cui puntare

Caricatore ufficiale Nintendo Switch

Partiamo con lo specificare che il caricabatterie Nintendo Switch standard è già incluso nella confezione (cosa non sempre scontata ultimamente per certi prodotti). Quest’ultimo è in grado di caricare la console sia direttamente che attraverso il dock che permette anche il collegamento alla TV. Nel caso volessi un secondo alimentatore, o se dovessi sostituire un prodotto perso o rovinato, con questo modello puoi essere sicuro di non avere problemi di compatibilità di alcun tipo. Ovviamente il prezzo riflette la licenza ufficiale, ma è il rischio che si corre con questo tipo di prodotti.

Choetech USB-C 18W con PowerDelivery

Cercate un caricatore da muro con una sola presa, semplice, economico ed efficace? Ecco che subentra Choetech col suo caricatore USB Type-C 18 W da presa. Questo è nero, molto compatto e caratterizzato da una sola porta USB-C che, tramite il profilo 5 Volt / 3 Ampere e il pieno supporto alla tecnologia Power Delivery, riesce ad alimentare al massimo della velocità sia Nintendo Switch che i rcenti smartphone Ovviamente per quelli che supportano un Wattaggio superiore, l’alimentatore funziona ma in modo più moderato. Questo arriva con un cavo USB-C in dotazione ed ha un prezzo decisamente moderato.

Anker Powerport Speed 5 PD

Se invece sei quel tipo di utente che tende a caricare i suoi device di notte e ad utilizzarli di giorno solo sporadicamente, Anker Powerport è una soluzione tra le più pratiche. Questo caricabatterie è pensato per l’utilizzo quasi industriale. È infatti dotato di qiattro porte USB-A a cui puoi collegare tutto i tuoi device con cavi USB A>C se necessario, ma soprattutto una USB-C con profilo 18 Watt, perfetto per la Nintendo Switch. Con due porte Quick Charge 3.0, il caricatore è una versione pensata per la velocità della linea Powerport dell’azienda, ed è una soluzione “formato famiglia” per chi preferisce avere un solo punto di ricarica per tutte le sue apparecchiature piuttosto che un caricabatterie Nintendo Switch individuale.

ADDTOP Powerbank 26800mAh

Orzly Ultimate Charge Station

Se invece giochi spesso da casa e caricare i Joy-Con tramite il tablet interrompe le tue partite, Orzly ha creato questa Ultimate Charge Station apposta per te. In grado di caricare sia i Joy-Con che il Pro Controller, questa postazione fissa è dotata di led luminosi per segnalare l’inserimento dei controller, un processo semplice e fluido. Pensato per la ricarica notturna, il supporto è perfetto se hai quattro Joy-Con e vuoi tenerli tutti carichi. Ha inoltre l’apprezzato effetto collaterale di tenere tutte le nostre periferiche in un solo punto della casa. Versatile e comodo, per i giocatori da divano si rivela un prodotto estremamente utile.

Lascia un commento