Kobo eReader: scopriamo i migliori modelli

Kobo eReader: scopriamo i migliori modelli

N.B. Questa guida all'acquisto, proprio come tutte le altre, è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo.

In questo articolo parliamo di eBook reader. L’obiettivo è offrivi una panoramica completa dei miglior eBook in modo da aiutarvi nella scelta dei Kobo eReader che soddisfino le vostre esigenze.

Kobo eReader: quale comprare

Kobo è un nome importante nel campo degli eReader, sicuramente al pari di Amazon sebbene quest’ultima abbia dalla sua la possibilità di sfruttare l’eCommerce più utilizzato al mondo per la vendita dei propri eBook Reader. Si tratta di un’azienda canadese che può contare su una importante storia di prodotti vincenti: è una sussidiaria della giapponese Rakuten ed infatti il suo nome completo sarebbe Rakuten Kobo, ma viene conosciuta semplicemente come Kobo.

Kobo eReader sono facilmente reperibili sia tramite l’eCommerce guidato da Bezos che tramite altre realtà, il tutto ad indicare che si tratta di dispositivi con un florido mercato alle spalle. A questo punto vi starete chiedendo, quali sono i vantaggi di cui una persona potrebbe usufruire acquistando un Kobo eReader rispetto ad uno di Amazon?

Innanzitutto ci troviamo di fronte ad una lineup di prodotti estremamente validi, con specifiche tecniche molto interessanti e con prezzi alla portata di tutti, anche per i modelli di punta. Dal punto di vista meramente tecnico, non ci troviamo di fronte a differenze sostanziali fra gli eReader di Kobo e quelli di Amazon, sebbene l’azienda canadese dia effettivamente più libertà di movimento ai suoi clienti rispetto al colosso dell’eCommerce. Infatti, chi sceglie un Kobo eReader (anche il modello più economico), può contare sul supporto ad un numero davvero ampio di formati, cosa che invece non avviene in egual misura con gli eBook Reader sviluppati da Amazon.

Infine, per una migliore lettura della nostra guida, vi proponiamo una presentazione dei prodotti in ordine di prezzo crescente, dandovi così la possibilità di prendere in esame i modelli più economici per passare via via a quelli più costosi.

Kobo Clara HD

Apriamo la nostra guida ai miglior Kobo eReader con il Kobo Clara HD. Si tratta del Kobo eReader ideale per chi ama prodotti molto piccolo e compatti, quindi adatti ad essere portati sempre con sé. Per darvi un’idea dell’ottimo lavoro di ottimizzazione portato avanti dalla compagnia, il Kobo Clara HR misura 157 x 111 x 8,3 mm con un peso di circa 166 grammi.

Il suo diretto concorrente, il blockbuster Kindle Paperwhite di Amazon, arriva a pesare anche 40 grammi in più, addirittura 50 se consideriamo la variante 3G. Per alcuni si potrebbe trattare di una differenza da nulla, ma 50 grammi in meno (così come 40) fanno la differenza sul polso, soprattutto se siete degli avidi lettori che amano passare ore ed ore a leggere i vostri libri preferiti.

Rispetto al Kobo visto poco più su, il Clara HD mantiene la stessa diagonale, quindi 6 pollici, a risoluzione HD, ma sale decisamente per quanto riguarda la densità di pixel che arrivano a 300 PPI. Cresce anche la dimensione dello spazio a disposizione: 8 GB. Se 4 GB risultavano più che sufficienti anche per i lettori piuttosto avidi, il doppio di spazio a disposizione dovrebbero far dormire sogni tranquilli anche a tutti quelli che sono in grado di leggere decine di libri all’anno.

Troviamo inclusa anche la tecnologia ComfortLightPro per quanto riguarda l’abbattimento dell’esposizione alla luce blu del pannello Carta E-Ink, soprattutto durante le ore di buio. Il resto della scheda tecnica vede la presenza di una batteria da 1500 mAh (teoricamente in grado di alimentare il piccolo eBook Reader per diverse settimane) ed il classico corredo di formati supportati: EPUB, EPUB3, PDF, MOBI, JPEG, GIF, TIFF, BMP, TXT, HTML, RTF, CBZ e CBR.

Kobo Libra H2O

Saliamo di livello e troviamo un Kobo eReader più adatto a chi cerca un lettore di fascia intermedia. In questo caso ci troviamo di fronte ad un prodotto che guarda agli eReader di fascia solitamente più alta, con un corpo che tende ad accogliere cornici più ampie su un bordo, così da facilitarne e migliorarne l’esperienza di utilizzo. Il pannello anteriore è composto da un pannello E-Ink Carta da 7″ con 300 PPI di densità, cosa che ne consente di offrire una esperienza di lettura perfetta. Non manca la funzione ComfortLight PRO, che consente grazie ad un sensore ambientale di mantenere il livello di luminosità sempre adatto. Molto piacevoli i voltapagina fisici.

Non mancano 8 GB di memoria interna, espandibile via micro SD. I formati supportati sono sempre tantissimi: EPUB, EPUB3, PDF, MOBI, JPEG, GIF, TIFF, BMP, TXT, HTML, RTF, CBZ e CBR. Come intuibile dal suffisso, è completamente idrorepellente dunque consente l’esposizione ai liquidi senza il minimo problema. Buone anche le dimensioni e il peso, pari a 14,4 x 15,9 x 0,5 cm e 191 grammi.

Kobo Forma

L’ultimo Kobo eReader che vi consigliamo di prendere in considerazione è il Kobo Forma, il modello di fascia alta dell’azienda canadese. La prima cosa che differenzia questo modello da quelli visti poco più su è certamente il design. Questa volta ci si avvicina a quanto visto da Amazon con il suo ultimissimo Oasis, con questa lavorazione che prevede un piccolo ispessimento verso l’estremità, dove si trovano i tasti volta pagina.

Oltre al design, anche il pannello frontale subisce una notevole miglioria, con un display che adesso raggiunge gli 8 pollici. Questo non è altro che il classico E-Ink Carta da 8″ con risoluzione 1440 x 1920 pixel e 300 PPI di definizione. La decisione di questa scelta dipende dalla volontà di avvicinare il più possibile i lettori di libri a questo eBook Reader.

Anche qui troviamo l’assenza dello slot per l’alloggio della micro SD, anche se la memoria da 8 GB permette di  immagazzinare fino 6000 libri. Ovviamente resta presenta la tecnologia ComfortLight Pro, in grado di far virare lentamente la temperatura colore del display verso toni più caldi, andando così a ridurre l’emissione di luce blu che, come ormai saprete, è dannosa durante le ore serali.

Lascia un commento