Miglior braccialetto fitness: il compagno ideale per restare in forma

Miglior braccialetto fitness: il compagno ideale per restare in forma

N.B. Questa guida all'acquisto, proprio come tutte le altre, è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo.

In questo articolo ci tuffiamo alla ricerca del miglior braccialetto fitness. L’obiettivo è offrivi una panoramica completa dei diversi prodotti presenti sul mercato in modo da aiutarvi nella scelta del miglior prodotto che meglio soddisfa le vostre esigenze.

Miglior braccialetto fitness: quale comprare

Miglior braccialetto fitness

Dopo un inizio tiepido scandito da generale scetticismo, le smartband iniziano ad acquisire sempre più un valore reale, tangibile. Questo è il caso delle smartband pensate per accompagnare l’allenamento degli sportivi, sia casual che a livello semi agonistico. Chi si cimenta in un allenamento atto alla preparazione atletica, può sicuramente trovare qualche interessante prodotto all’interno della nostra guida sul migliore bracciale sport. Chi, invece, ama mantenersi in forma e cerca un prodotto da “accompagnamento”, può trovare dispositivi estremamente interessanti all’interno della nostra guida sul miglior braccialetto fitness.

La differenza di target è dettata principalmente dal fatto che fitness e sport hanno due connotati diversi. Dal nostro punto di vista, il fitness è l’insieme di quelle discipline e allenamenti che hanno come obbiettivo comune quello di allenare il proprio fisico. Ecco quindi la scelta di valutare prodotti attraverso alcuni criteri di selezione che fanno riferimento al display, alla qualità dei sensori e all’autonomia.

Display

Partendo dal panello, le smartband qui presenti sono state scelte tenendo in considerazione diversi tipi di utenti. Per i prodotti muniti di display, abbiamo valutato elementi come la luminosità e e gli angoli di visuale. Ma, come avrete modo di vedere, all’interno della guida troviamo prodotti sprovvisti di display. In questo caso l’utente deve fare riferimento alle informazioni mostrate sull’applicazione mobile installata sul proprio smartphone. Se i prodotti con display sono pensati per gli sportivi che hanno necessità di visualizzare in tempo reale i dati relativi all’attività fisica, quelli sprovvisti sono invece indirizzati per chi non ha l’impellente bisogno di valutare questi valori.

Sensori

Essendo questi prodotti pensati per il miglioramento della propria forma fisica, valutare la precisione e la qualità dei sensori ci ha permesso di isolare solo i miglior braccialetto fitness. L’ampia fascia di prezzo ci mette di fronte a soluzioni pensate per tutte le tasche e tutti i tipi di allenamento. Se, infatti, nella guida troviamo soluzioni in grado di effettuare tracking preciso ma basilare, quindi indirizzato a sportivi poco esigenti, continuando a scorrere i modelli troviamo anche smartband quindi capaci di tracciare automaticamente il tipo di allenamento in corso. Un esempio lo possiamo vedere con Garmin che, grazie alla tecnologia proprietaria Move IQ, è capace di identificare automaticamente il tipo di allenamento.

Batteria

L’autonomia svolge un altro importante ruolo durante l’utilizzo delle smartband. I modelli sprovvisti di display sono evidentemente quelle che garantiscono un utilizzo più duraturo, mentre i modelli con pannello touch hanno inevitabilmente un altro tipo di autonomia. Indipendentemente dal tipo di prodotto che si sceglie, abbiamo selezionato smartband con almeno una settimana di autonomia. Gli sportivi incalliti dovranno fare i conti con la necessità di ricaricare la smartband un po’ più spesso, ma sarà comunque possibile indossarla per diversi giorni senza ricorrere al caricabatterie.

Procediamo ora nella scelta del miglior braccialetto fitness!

Miglior braccialetto fitness: ecco su quali prodotti puntare

Honor Band 5

Iniziamo la nostra ricerca al miglior braccialetto fitness con un prodotto per chi vuole monitorarsi nelle performance, salvaguardando però principalmente il proprio portafogli. Campionessa nella fascia di smartband economiche infatti, ecco che troviamo anche in questo caso Honor Band 5. Con un prezzo stabile al di sotto dei 35€, questa è giunta alla sua ennesima generazione e, dal punto di vista tecnico, non le manca quasi nulla.

Il design è infatti caratterizzato da un profilo piuttosto compatto, con un display anteriore da 0.95″ AMOLED dotato di risoluzione da 120 x 240 pixel. Non male per l’utilizzo in esterna, visto che è piuttosto luminoso. All’interno troviamo tutti i sensori indispensabili per il consumo di calorie, distanze percorse, workout base (nuoto, fitness, corsa, bici e simili), il tracking del sonno e del battito cardiaco. Presente infatti un cardiofrequenzimetro, nonché un sensore per la misurazione della VO2, ovvero la saturazione dell’ossigeno nel sangue. Questo, benché stiamo sempre parlando di uno strumento non professionale, è un bel dato da tenere in considerazione se volete stare attenti al comportamento del vostro organismo.

Lato attività, l’app di Honor dispone di buoni menù ricchi di informazioni per potersi monitorare al meglio. Parliamo di qualcosa di basic, come è ovvio che sia: ottima per gestire sicuramente i consumi energetici, ma anche i brani in riproduzione sulle cuffiette Bluetooth, oppure i semplici tempi di recupero. La batteria dura fino a circa 6 giorni abbondanti di utilizzo, ma fino a 14 se si disattiva il cardiofrequenzimetro.

Moov Now

Continuiamo con un prodotto più singolare: il design è particolarissimo, e se state cercando qualcosa di più funzionale ma non vi interessa il display, il Moov Now potrebbe essere la scelta giusta. Lo troviamo all’interno della nostra guida sul miglior braccialetto fitness in quanto offre delle specifiche aggiuntive che non troviamo sul prodotto visto ad inizio guida.

Moov Now è un braccialetto fitness ideale per chi ama mantenersi in forma, anche all’aperto. Il design è molto particolare e ricorda un po’ quello del Misfit Shine 2, prodotto di grande successo fino a qualche anno fa. Anche qui il cervello della smartband è integrato all’interno di un piccolo elemento circolare; questo può essere rimosso dal cinturino per essere poi inserito in altri di diverso colore. Si comporta davvero benissimo anche durante l’allenamento in bici e in vasca, quindi è ottimo per chi non si allena solo in palestra ma integra anche altri sport.

Il piano di allenamento è ricco di funzioni e prevedono workout incrementali per potenziare la propria resistenza, così come la gestione del proprio allenamento in modo completamente personalizzato. Inoltre, grazie alla certificazione waterproof, il Moov Now può essere indossato anche in piscina o a mare. Ovviamente tutto ciò che raccoglie deve essere necessariamente visualizzato sullo schermo dell’app mobile.

Garmin Vivosmart 4

Continuiamo la guida con Garmin Vivosmart 4, in assoluto fra le smartband più interessanti per gli amanti del fitness e per chi si allena in maniera costante e seria. Questo modello si focalizza molto sulla qualità della vita in relazione all’attività fisica svolta: è una ottima scelta per chi vuole tracciare davvero al meglio tutte le proprie attività. Abbiamo infatti, grazie al sensore Pulse Ox, anche la possibilità di monitorare l’ossigenazione del sangue, oltre che il battito cardiaco grazie al cardiofrequenzimetro.

Il display frontale, a colori, mostra in modo molto semplice tutte le informazioni da consultare a portata di tap; non mancano ovviamente notifiche o gestione dell’audio. Con la possibilità di identificare in autonomia la tipologia di sport praticato, Vivosmart 4 garantisce anche circa 6 giorni di utilizzo sfruttando il cardiofrequenzimetro, i quali diventano molti di più quando eventualmente si disattiva il sensore HR.

L’app mobile è fra le migliori sul mercato: al suo interno è possibile consultare davvero tutto ciò che concerne il proprio corpo e la propria attività fisica.

Fitbit Charge 3 SE

State cercando la smartband definitiva? Volete portarvi a casa sia un prodotto professionale per il monitoraggio delle vostre attività in palestra, sia qualcosa di avanzato anche nella vita di tutti i giorni? Il miglior braccialetto fitness da scegliere in questo caso è senza dubbio Fitbit Charge 3 SE. Vi suggeriamo nello specifico la Senior Edition perché contiene una sorpresa che la differenzia dagli altri fitness tracker, e non di poco.

Il design è senza di dubbio uno dei suoi punti a favore, facile da distinguere ed anche piuttosto comodo e compatto. Assieme alla apprezzatissima tecnologia PurePulse per il tracking del battito cardiaco, il Fitbit Charge 3 S.E. monta un display più ampio della precedente generazione, braccialetti intercambiabili e decine e decine di funzionalità per il tracking di tutte le attività fisiche, anche svolte all’aperto. Non male (anzi) è senza dubbio la presenza dei “punteggi cardio” basati sulla VO2 (saturazione del sangue), presente anche in questo caso. Presente ovviamente anche il cardiofrequenzimetro, e da non sottovalutare l’ottima applicazione su smartphone (iOS e Android) che consente di vedere tutti i dettagli inerenti alle attività sportive, fitness incluso.

Nell’edizione Special Edition, il bracciale Fitbit include anche un chip NFC per eseguire pagamenti contactless senza usare il telefono. Vi consigliamo di puntare su questa edizione più particolare e non sul base proprio per questo.

La nostra analisi

Ridble è il primo sito in Italia dedicato alle guide all’acquisto per tre motivi: è, innanzitutto, il sito dedicato alle guide all’acquisto più longevo, avendo compiuto 6 anni il 18 febbraio 2019. Inoltre è il primo sito di guide all’acquisto per numero di guide a disposizione: ne offriamo oltre 2000, sempre accessibili per gli utenti. Ridble è, infine, il primo sito in Italia di guide all’acquisto per numero di ordini online generati: sono stati oltre 100.000 quelli effettuati nel 2018.

Sono infatti migliaia i lettori che si sono già fidati di noi per trovare il miglior prodotto per le loro esigenze, ed il perché è semplice: il nostro compito è quello di monitorare e seguire costantemente i prodotti al fine di testarlianalizzarli e confrontarli fra loro per suggerire solo i più degni di nota. La qualità del nostro lavoro è testimoniata dal fatto che il 98% degli utenti che hanno fatto un acquisto attraverso le nostre guide hanno dichiarato di essere rimasti pienamente soddisfatti del prodotto consigliato. Infatti solo il 2% degli utenti ha richiesto il reso del prodotto acquistato tramite una nostra guida. Nel corso di questi anni abbiamo risolto i più disparati dubbi sugli acquisti non solo in Italia, ma affermandoci anche in mercati più complessi e sensibilmente diversi, come quello spagnolo. Possiamo quindi dire che in questi anni abbiamo creato un vero e proprio “metodo Ridble” per consigliare i prodotti da acquistare.

Uno dei cardini di questo modello è rappresentato dalle competenze e conoscenze che i nostri Specialist devono necessariamente arrivare ad avere anche solo per realizzare una guida all’acquisto. Difatti, per diventare Specialist di Ridble è necessario studiare e testare circa 100 prodotti, al fine di dimostrare di essere realmente degni di aiutarvi nelle scelte più difficili. Inoltre ogni Specialist si dedica interamente ad una specifica categoria merceologica, perché non crediamo nei “tuttologhi”: ognuno ha delle aree di competenza, e non scrive di tutto solo per generare traffico.

​Ad esempio, come responsabile su Ridble dei wearable intesi anche come smartband, sono focalizzato nel testare, analizzare e confrontare i vari dispositivi presenti sul mercato. In questo modo, incremento costantemente le mie conoscenze che sfrutto per selezionare i migliori prodotti. Questo lavoro mi permette quindi di testare un grandissimo numero di prodotti. È un esercizio che va avanti da così tanto tempo che ormai non ho più spazio nei cassetti per riporre le dozzine di smartband che ho raccolto e testato in questi ultimi anni.

Un altro importante fattore del nostro modello è che le nostre guide all’acquisto sono sempre aggiornate. Infatti ogni mese aggiorno personalmente tutte le guide di mia competenza. Potete quindi essere certi che ogni volta che consulterete una nostra guida troverete i migliori prodotti da comprare in quello specifico momento.

A conferma del nostro impegno, vi basti pensare che la nostra competenza in materia di guide all’acquisto è riconosciuta dai brand più importanti al mondo. Siamo, ad esempio, tra i pochi siti al mondo ad aver realizzato una guida all’acquisto direttamente su Amazon Italia.

Come selezioniamo i prodotti

I miglior braccialetto fitness all’interno delle nostre guide agli acquisti sono stati selezionati attraverso una serie di step che definiamo come “metodo Ridble”. Si tratta di un modus operandi che abbiamo sviluppato e perfezionato nel corso del tempo e che si compone di 4 fasi.

Qualsiasi smartband entra nei nostri radar a seguito della sua ufficializzazione da parte dell’azienda. Elementi come rumors, indiscrezioni, fughe di notizie e quant’altro non trovano riscontro nel metodo Ridble. Tramite l’utilizzo di varie fonti (comunicati stampa, inviti ad eventi ecc..) ogni Specialist di Ridble raccoglie l’ufficialità di annuncio dei prodotti appartenenti alla sua categoria di competenza.

L’annuncio non è però di per sé un requisito valido per poter essere preso in considerazione per l’inserimento nelle nostre guide all’acquisto. I dispositivi di turno, in questo caso i miglior braccialetto fitness, devono raggiungere un requisito necessario: l’eleggibilità. Ciò significa che soltanto i prodotti realmente acquistabili in Italia (online o offline) sono eleggibili di poter essere inseriti nelle guide all’acquisto.

Se i primi tue principi sono stati rispettati, allora si può passare alla terza fase, quella della prova. I prodotti in vendita vengono infatti testati affinché lo Specialist possa conoscerne da vicino punti di forza e debolezza, al fine di esprime un giudizio generale. Inoltre, in questa fase, lo Specialist si fa un’idea di quali esigenze di acquisto il prodotto è in grado o meno di soddisfare, in modo da consigliare in maniera precisa il tipo di smartband che l’utente sta cercando.

Infine, i prodotti che ottengono un giudizio positivo sono selezionati per essere inseriti nelle guide all’acquisto. Questa fase è ripetuta almeno una volta al mese visto l’aggiornamento mensile delle guide all’acquisto. Quindi lo Specialist almeno una volta al mese mette in discussione tutti i prodotti che ha precedentemente selezionato e decide se inserire o meno i nuovi prodotti che nel frattempo ha testato.

Se vuoi saperne di più del metodo Ridble visita la nostra pagina come lavoriamo.

Test tecnici

I test che mi portano alla selezione del braccialetto fitness da inserire nella guida sono essenzialmente due. Inizialmente vado a valutare i dati raccolti relativi alla distanza percorsa, i passi e le calorie bruciate. Tutti elementi che fanno riferimento al tracking generale dell’attività fisica. Per farlo indosso la smartband in esame per diverse settimane, 24/7, sia a casa che durante l’allenamento in strada, al parco oppure al chiuso sul tapis roulant.

A questo punto confronto i dati raccolti con quelli registrati da un’altra smartband di “controllo” che indosso all’altro polso. Questi fanno riferimento ai passi, la distanza percorsa, le calorie bruciate così come la qualità del sonno. Questa rosa di elementi fanno parte dei classici dati che ogni smartband è in grado di raccogliere, ma io non solo testo se li raccoglie ma, soprattutto, come. Queste informazioni sono essenziali per il miglioramento della forma fisica di un utente che acquista una smartband, e pertanto valuto se corrispondono a realtà o se sono di molto distanti da quelli che dovrebbero invece essere.

Il controllo lo svolgo appunto incrociando ciò che la smartband in test raccoglie con quelli captati dalla smartband di controllo. È un lavoro che mi permette di provare con mano il grado di precisione dei sensori, e quindi di scartare quei braccialetto fitness i cui dati si discostano in modo marcato da quelli registrati dal dispositivo di riferimento.

miglior braccialetto fitness

Successivamente testo anche sulla capacità di alcuni braccialetto fitness di tracciare automaticamente il tipo di allenamento in corso. Questa dovrebbe essere in grado di riconoscere automaticamente il tipo di attività fisica che si sta svolgendo. La mia valutazione va a testare la velocità con cui la smartband è in grado di riconoscere l’inizio dell’allenamento e soprattutto nel riconoscimento della giusta attività fisica. Ecco quindi che, sapendo il tipo di allenamenti riconosciuti automaticamente tramite le istruzioni di utilizzo, vado a testare se è effettivamente in grado di tracciarli.

Ad esempio, se so che un dato braccialetto fitness riconosce automaticamente la corsa al chiuso, sul tapis roulant, cronometro e verifico la capacità della smartband di rinascere il tipo giusto di attività fisica e il tempo impiegato a far partire il tracking della stessa. Vengono scartate tutte quelle smartband non in grado di svolgere questo compito o troppo lente nel farlo.

Lascia un commento