Batteria esterna smartphone: quale e come scegliere

Batteria esterna smartphone: quale e come scegliere

N.B. Questa guida all'acquisto, proprio come tutte le altre, è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo.

State cercando una batteria esterna in grado di portarvi fino a fine giornata col vostro smartphone? Ne volete una che non ingombri e che sia leggera e pratica? Non è facile, ora che il settore delle batterie degli smartphone mira a moduli sempre più generosi: questi hanno fatto crescere, di conseguenza, anche le capacità minime per i powerbank. Vi veniamo incontro e, se non volete perdervi nei meandri degli store digitali o acquistare batterie pesanti e ingombranti, bensì risparmiare, vi guidiamo alla scelta di una batteria esterna smartphone.

Batteria esterna smartphone: quale comprare

Iniziamo la nostra guida alla batteria esterna smartphone inquadrando prima al meglio la categoria. Benché ci siano smartphone ormai dotati anche di batterie enormi, rimanere senza carica quando si è fuori di casa è una cosa che avviene all’ordine del giorno; più carica c’è, più ne usiamo, e non si può negarlo. Avere una batteria esterna smartphone è diventata praticamente una esigenza imprescindibile per non rimanere scollegati dal mondo, ma spesso nell’acquisto di un powerbank si compiono molti errori.

Il primo è non considerare lo smartphone che si ha in possesso, il secondo quello che un domani si potrebbe possedere. Vediamo di seguito quali sono tutti gli elementi da considerare nella scelta di una batteria esterna smartphone, prima di approfondire i modelli che vi consigliamo di acquistare.

Capacità

Batteria esterna smartphone

Il primo criterio selettivo quando si sceglie una batteria esterna smartphone non può che essere quello della capacità. Ogni buona batteria che si rispetti necessita infatti di un quantitativo di carica congruo con quanto ci si aspetta. Più grande sarà la batteria del vostro smartphone, più grande dovrà essere quella della batteria esterna smartphone se volete più ricariche.

Il concetto da capire alla base è matematico. Identificata la capacità dello smartphone, espressa in mAh, bisognerà effettuare una semplice divisione: la capacità della batteria esterna che volete diviso per la capacità dello smartphone. Il risultato è il numero di voltecirca, con cui potete ricaricare il telefono utilizzando la powerbank fino al suo totale scaricamento.

Oltre alla carica effettiva c’è da considerare che esistono due fenomeni impattanti sulla ricarica in mobilità, ovvero la dispersione energetica e l’utilizzo durante la carica. La prima è dovuta ad un fattore fisico che non si può evitare: durante la carica, parte dell’energia viene dispersa nel passaggio dalla fonte (powerbank) alla destinazione (smartphone) mediante il mezzo trasmissivo (cavo). L’altro elemento impattante che mina sulla carica effettiva di una batteria esterna smartphone è quello dell’uso durante la ricarica. La batteria esterna, collegata, mantiene in vita il dispositivo: già la sola esecuzione del sistema operativo ha un consumo, ma ad esso si aggiungono le app in background, lo schermo eventualmente acceso e tutte le app in esecuzione.

Tale criterio va dunque ponderato alla base, così da capire di che capacità (e di conseguenza dimensioni) è necessario acquistare la propria powerbank: quante volte volete ricaricare il vostro smartphone prima di tornare alla presa?

Dimensioni e peso

Una diretta conseguenza della capacità è quella di dimensioni e peso più o meno elevate. Quando si ricarica uno smartphone si tende effettivamente a preferire un powerbank piccolo, compatto, magari da sovrapporre allo smartphone stesso durante l’utilizzo. Ciò viene concesso principalmente dalle batterie esterne smartphone di taglio piccolo, ma non è detto che sia strettamente sempre così.

Più i powerbank dispongono di capacità elevata, più questi tendono ad essere voluminosi e soprattutto pesanti. Tenete questa caratteristica per capire quale dispositivo acquistare. Nella nostra selezione abbiamo escluso completamente tutti i modelli di batteria esterna smartphone troppo grandi o pesanti.

Velocità di carica

Batteria esterna smartphone

Il terzo criterio selettivo fondamentale è la velocità di carica. Lo smartphone o gli smartphone in questione che tipologia di ingresso hanno? Quanta corrente massima sono in grado di ricevere? Dispongono di tecnologie di ricarica proprietarie? Sono queste le domande da porvi prima di incorrere in errori che solitamente culminano in lamentele tipo “la batteria esterna va lenta”. Partiamo col dire che guardare l’amperaggio base delle porte non è ormai un elemento da tenere in considerazione: tutte le batterie esterne hanno una porta che eroga ormai almeno a 2.4 Ampere.

La differenza la fanno sicuramente quelle batterie esterne che dispongono di standard particolari, ovvero le tecnologie di ricarica rapida. Un esempio potrebbe essere la Quick Charge 3.0 di Qualcomm, presente praticamente su quasi tutti gli smartphone che dispongono di un processore di casa Qualcomm, anche se ormai con l’avvento della porta USB Type-C potremmo fare riferimento anche all’ormai crescente Power Delivery. Acquistare oggi una batteria esterna smartphone che vada bene in ogni caso implica sceglierne una con supporto alla Quick Charge di Qualcomm, ma dotata anche di porta USB-C e di supporto alla Power Delivery. Quest’ultimo consente di superare la barriera dei 2.4 Ampere arrivando al profilo 5 Volt / 3 Ampere, utilizzato ormai anche dai piccoli notebook, ma è la base per tutte le tecnologie di ricarica rapida proprietarie offerte dai produttori.

Considerate questo criterio anche in prospettiva futura: se non avete uno smartphone dotato di tecnologie di ricarica rapida particolarmente avanzate, non significa che non cambierete telefono magari fra qualche mese: meglio spendere qualcosa in più oggi che ritrovarsi con un powerbank lento domani. Non rinunciate ad una porta USB Type-C, visto che sarà lo standard universale a breve.

Velocità di ricarica

L’ultimo criterio selettivo da considerare nell’acquisto di una batteria esterna smartphone è quello della velocità di ricarica della batteria stessa. Considerando prodotti dotati di una capacità prettamente non elevata, la velocità di ricarica minima è piuttosto elevata. Per i modelli da 10.000mAh ci avviciniamo a circa 4 ore necessarie per ricaricarli completamente, che lievitano fino a circa un paio in più in quelli più grandi. Se siete utenti frenetici e volete portare con voi un po’ di carica in pochissimo tempo, allora date la priorità ai modelli non troppo grandi e con Power Delivery o Quick Charge in ingresso. Tenete in considerazione che è sempre necessario sfruttare un buon caricabatterie esterno da muro in questo caso (vi consigliamo dove andare alla fine di questa guida per trovarne uno decisamente valido a prezzo più che umano!)

Se non avete particolare fretta e volete ricaricare la vostra batteria esterna normalmente come si fa con lo smartphone in una intera notte (8 ore circa), state pure tranquilli nell’acquistare i modelli con capacità superiore ai 10.000mAh. Da questa guida abbiamo completamente escluso le batterie che necessitano troppo tempo per ricaricarsi e che vanno quindi oltre questa soglia massima.

Batteria esterna smartphone

Passiamo dunque ora ad analizzare tutti i modelli di batteria esterna smartphone disponibili all’acquisto.

Batteria esterna smartphone: i migliori modelli

iWalk 3300mAh Type-C

Iniziamo la nostra guida alla ricerca della batteria esterna smartphone con un prodotto assolutamente unico nel suo genere: iWalk 3300mAh Type-C. Con un corpo assolutamente molto compatto, la iWalk è una soluzione particolarmente orientata per chi non vuole ingombri o cavi che penzolano quando si ricarica il proprio dispositivo. Il prodotto in questione non è altro che una piccola cella cilindrica protetta da un involucro in policarbonato, il quale nella zona centrale si estende con un vero e proprio connettore USB Type-C.

Quest’ultimo, inserito all’interno della porta del proprio smartphone, va a ricaricare il dispositivo sfruttando una capacità di 3300mAh. Non si tratta di un prodotto in grado di rifocillare in toto il proprio smartphone (se non alcuni con una batteria piuttosto contenuta), ma consente di correre ai ripari quando questo sta per spegnersi, magari proprio in situazioni dove ci serve necessariamente energia.

La ricarica della suddetta avviene sempre tramite porta Type-C, ma sfruttando l’ingresso laterale che ha a disposizione. Le dimensioni e il peso sono ovviamente molto compatti: parliamo di 77 x 42 x 23 mm, per 77 grammi. In dotazione non troviamo altro che il prodotto stesso, che può essere ricaricato mediante qualsiasi altro cavo Type-C. Non ha un costo molto accessibile, soprattutto se paragonato a quanto normalmente costano le batterie esterne smartphone con capacità molto più elevata, ma si paga la compattezza e la praticità con cui iWalk 3300mAh Type-C può essere sfruttata, anche in contesti formali e poco adatti ai cavetti a vista.

N.B.: il prodotto saltuariamente termina in alcune colorazioni, dunque potrebbe essere necessario navigare fra le varie opzioni prima di trovarlo disponibile.

Charmast 10000mAh Type-C

Proseguendo troviamo la batteria esterna smartphone da acquistare se volete il prodotto con il minimo indispensabile, ottimo per l’utilizzo in sovrapposizione ad uno smartphone. Parliamo della Charmast 10000mAh Type-C, un prodotto che ha concesso al brand di entrare a far parte fra i grandi colossi del settore, cambiando anche le carte in tavola sui prezzi. Il costo di questo piccolo accessorio è infatti molto contenuto, visto anche che mette a disposizione due porte USB: una classica full size, e una Type-C. Per la prima l’output massimo è pari a 2.4 Ampere, mentre per la seconda si arriva fino al profilo 5 Volt / 3 Ampere, ottimo per ricaricare in modo rapido quasi tutti i dispositivi sul mercato. La ricarica è consentita sia tramite una porta micro USB, sia tramite la Type-C già citata. Con quest’ultima, la ricarica avviene in sole 4 ore e mezza.

Insomma, non è la più performante di tutte, non avrà il look più originale, ma la Charmast 10000mAh Type-C si difende benissimo con una buona resa con occhio al portafogli.

uGreen Power Bank 10000mAh

Aukey Power Bank Wireless 10000mAh

Accessori batteria esterna smartphone

Come tutte le powerbank, anche la batteria esterna smartphone ha bisogno di buoni accessori di accompagnamento. Questi sono utili sia ad apprezzare le effettive performance a regime delle batterie stesse, sia comodi per ricaricare in mobilità senza dover togliere e infilare di continuo i propri cavetti. Vediamo dunque cosa c’è bisogno per accompagnare la propria batteria esterna smartphone.

Tutte le batterie esterne mettono a disposizione in dotazione almeno un cavetto micro USB di fattura più o meno discreta: ciò però non basta, e potrebbero esserci più motivi. Il primo è che un solo cavetto può non essere abbastanza per ricaricare due dispositivi simultaneamente; il secondo potrebbe essere che il cavetto in dotazione è troppo corto, o comunque non all’altezza dell’uso frequente che fate del dispositivo – senza calcolare che potreste avere un iPhone con connettore Lightning, oppure un dispositivo nuovo con USB Type-C.

Vediamo dunque, in base ai dispositivi che avete in possesso, quale cavetto acquistare.

Cavo micro USB

Il cavo micro USB, sebbene sia in lenta sostituzione, è ancora un pilastro solido sia sugli smartphone che sulle powerbank – senza considerare tutte le varie periferiche come cuffie, sigarette elettroniche, mouse, speaker e simili. Se state cercando dei buoni cavetti ad un prezzo più che contenuto, date un’occhiata alla selezione di prodotti che abbiamo scelto per voi. Tenete presente che acquistando i bundle con più cavetti c’è un bel risparmio e che, qualora voleste il massimo della resistenza, vi suggeriamo caldamente di puntare sui modelli rivestiti in nylon.

Cavo USB Type-C

Se avete già fatto il salto verso lo standard USB Type-C ma volete acquistare più cavetti, allora in questo caso potete dare un’occhiata ai modelli che vi suggeriamo di seguito. Attenzione però, perché optando per il cavo classico Type-A / Type-C (con una estremità che è USB classica insomma) non sarà possibile sfruttare tutte le tecnologie di ricarica rapida che si basano sullo standard Power Delivery. Per stare tranquilli vi invitiamo ad usare la USB Type-C integrata nella vostra nuova batteria esterna smartphone (se presente ovviamente), e di acquistare un doppio cavo USB Type-C.

Cavo Lightning

Se infine avete anche un dispositivo Apple da ricarica, e nello specifico magari un iPhone, non possiamo che suggerirvi un buon cavetto Lightning. Questo porta il brand AmazonBasics, è certificato e rivestito in nylon, per resistere nel corso del tempo a tutti i classici maltrattamenti. Prendetelo in considerazione sia per la vostra batteria esterna, sia per sostituire il cavetto fornito in dotazione da Apple.

Se ne avete bisogno potete acquistare anche la versione con USB Type-C.

Caricabatterie USB

Giungiamo alla fine della nostra guida all’acquisto per approfondire un ultimo elemento essenziale quando si parla di batteria esterna smartphone: il caricatore da presa. Se siete infatti dotati di un semplice caricabatterie USB fornito in dotazione con il vostro telefono, considerate l’acquisto di un charger secondario in quanto smartphone e powerbank solitamente devono essere ricaricati in simultanea durante la notte, e una sola porta USB non è ovviamente sufficiente. A tal proposito vi rimandiamo alla nostra guida dedicata al miglior caricatore USB, sempre aggiornata con i migliori prodotti. Nel farlo, vi consigliamo di optare per un caricatore USB che disponga almeno di una porta USB Type-C.

Claudio Carelli

Sono il responsabile editoriale di Ridble e mi occupo del coordinamento di tutto il team garantendo che i contenuti realizzati siano in linea con la nostra linea editoriale. Ricopro anche il ruolo di specialist per alcune categorie come le cuffie visto il mio trascorso da musicista, ma anche per ciò che riguarda le soluzioni di ricarica.

Lascia un commento