Migliore bracciale sport: il compagno ideale per allenarsi

Migliore bracciale sport: il compagno ideale per allenarsi

N.B. Questa guida all'acquisto, proprio come tutte le altre, è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo.

In questo articolo ci tuffiamo alla ricerca del migliore bracciale sport. L’obiettivo è offrivi una panoramica completa dei diversi prodotti presenti sul mercato in modo da aiutarvi nella scelta del miglior prodotto che meglio soddisfa le vostre esigenze.

Migliore bracciale sport: quale comprare

Bracciale sport

Come possiamo vedere all’interno delle nostre guide sulla miglior smartband oppure sul miglior bracciale cardiofrequenzimetro, il mercato delle smartband si sta sempre più focalizzando nel creare delle marcate differenze sul tipo di dispositivo di cui un utente ha bisogno. Troviamo prodotti pensati per il fitness in generale, magari per tenere sotto controllo il girovita oppure la massa grassa, il battito cardiaco, la distanza percorsa, le calorie bruciate, così come soluzioni più o meno professionali focalizzate sul tracciamento del proprio allenamento, suddiviso per categoria.

In questo caso parliamo del migliore bracciale sport. La parola sport viene considerata nella sua declinazione agonistica, o che comunque tocca da vicino gli sportivi che praticano un qualche tipo di sport in maniera piuttosto seria. Quindi, detto ciò, consideriamo prodotti che offrono delle particolari caratteristiche che permettono ad un ipotetico atleta di migliorare determinate aree del proprio allenamento, in relazione allo sport praticato.

Display

I criteri di scelta che sono alla base della nostra selezione partono con la ricerca di quei prodotti muniti di display di buona qualità e con un ottimo livello di luminosità. Il motivo di questa scelta è davvero semplice: a determinati livelli, soprattutto quelli che tendono al competitivo, è fondamentale avere a disposizione un display per tenere sotto controllo il proprio allenamento. Inoltre, per alcune discipline come la corsa, il pannello offre un importante aiuto per quanto riguarda anche la propria posizione geografica – grazie ai moduli GPS e alla bussola. Nella guida sono inoltre presenti prodotti che non presentano un display; in questo caso si fa riferimento a particolari discipline dove l’assenza di un pannello touch non rappresenta un malus, a patto di avere chiara la necessità di controllare l’applicazione mobile sul proprio smartphone per conoscere i valori relativi all’allenamento concluso.

Sensori

La qualità e precisione dei sensori di movimento è un altro aspetto decisamente importante per scegliere il migliore bracciale sport. La nostra guida è stata suddivisa secondo alcune discipline sportive e pertanto è facile individuare i tipi di sensori presenti nei vari prodotti, ma abbiamo comunque selezionato soluzioni ideali sia per sportivi alle prime armi che utenti impegnati in sessioni di allenamento piuttosto complesse. Per questa categoria di persone troviamo fitness tracker muniti di tecnologie per il riconoscimento automatico dell’allenamento in corso, o di un modulo HR attivo 24/7.

Impermeabilità

Alcuni bracciale sport sono stati selezionati anche tenendo conto del grado di impermeabilità garantito. In questo caso ci siamo focalizzati nella scelta di dispositivi con impermeabilità fino a 5 ATM. Questo valore è ideale sia per chi pratica nuoto in maniera non agonistica, sia per chi invece lo fa con l’intento di prepararsi per una competizione. Prodotti con un valore di impermeabilità inferiore sono stati scartati perché inadatti a questo genere di allenamenti.

Batteria

Anche l’autonomia svolge un ruolo importante nella scelta di un buon bracciale sport. In questo caso bisogna considerare caso per caso, suddividendo le smartband dagli smartwatch. Per le prime abbiamo selezionato prodotti con un’autonomia minima di almeno 5 giorni; cosa invece diversa per gli smartwatch dove si arriva ad un minimo di un paio di giorni. Sono presenti prodotti con un’autonomia maggiore? Certo che sì; questi sono pensati per gli atleti che sono spesso impegnati in sessioni di allenamento piuttosto lunghe, specialmente in situazioni dove è necessario attivare il modulo GPS per diverso tempo.

Procediamo dunque a scegliere il migliore bracciale sport in base alle discipline.

Migliore bracciale sport allenamento a corpo libero

In questa sottosezione andremo ad individuare una serie di bracciali sport ideali per chi svolge allenamento a corpo libero, dal semplice fitness in palestra, fino alle discipline più particolari. All’interno della categoria troveremo prodotti un po’ “tuttofare”, adatti a tutti gli utilizzi e soprattutto con delle app dedicate il più versatili possibili. Tenete in considerazione che, se state cercando giusto il minimo indispensabile per avere un cronometro a portata di polso, ma anche una serie di informazioni utili sul vostro fisico, potrebbe anche bastarvi una smartband da poche decine di euro: a tal proposito vi invitiamo a dare un’occhiata ai migliori smartband economici.

Se volete invece un bracciale sport più professionali, proseguite la lettura.

Garmin Vivosmart 4

Iniziamo la nostra guida alla ricerca del migliore bracciale sport con un prodotto per il corpo libero davvero moderno e completo. Parliamo di Garmin Vivosmart 4, un bracciale sport dal look piuttosto moderno e accattivante, focalizzato sul tracking dell’attività fisica appunto. Il design è caratterizzato dalla presenza di un piccolo ma luminoso display a colori, il quale è ben visibile alla luce del sole: niente schermate complesse, ma tutti i dati ben in vista. Ovviamente è touch, e dispone delle funzioni di notifica.

Al suo interno sono presenti le tecnologie per cui Garmin è ormai nota: fra queste la Move IQ che riconosce in automatico l’attività fisica svolta, ma anche Pulse Ox, che identifica la saturazione dell’ossigeno nel sangue. Non manca ovviamente tutto il corredo di giroscopio e un cardiofrequenzimetro sempre attivo. Non ha il GPS dedicato (poco male, visto che fate fitness), ma col cardiofrequenzimetro sempre attivo riesce a raggiungere i 5-6 giorni di utilizzo. Questa varia in base a quanto vi allenate: se siete costanti, a ritmo giornaliero, raggiungerete quasi sicuramente i 5 giorni senza problemi.

Come detto, l’ottima applicazione di Garmin rende molto preciso il monitoraggio del proprio corpo, sia durante l’allenamento che a riposo. Perfetto il tracking delle calorie, delle attività sportive, ma anche del sonno, cosa che spesso si sottovaluta erroneamente. Insomma, un bel bracciale sport senza rinunce!

Fitbit Charge 3 SE

Se volete spingervi in qualcosa di più avanzato, allora il migliore bracciale sport che non dovreste lasciarvi sfuggire è Fitbit Charge 3 SE. Questo è, in tutto e per tutto, un rivale diretto del Garmin visto più su, se non fosse che ha un asso nella manica davvero niente male. Consigliamo Fitbit Charge 3 SE a tutti coloro che vogliono tenere assolutamente traccia di tutto ciò che concerne il proprio allenamento, l’andamento, i consumi di calorie e il tracking del sonno, ma che cercano qualcosa di più stylish. Il look del Charge 3 è caratterizzatato da elementi che fanno una squadra vincente: display ampio, dimensioni comunque contenute e cinturini intercambiabili.

Non mancano la tecnologia PurePulse per il tracking del battito cardiaco continuo tramite cardiofrequenzimetro, nonché un sistema di punteggi cardio basati sulla misurazione della VO2 massima. L’app di Fitbit è assolutamente un altro elemento a favore di questa smartband: molto precisa e completa, rende al meglio sia su iOS che su Android, con menù precisi e facili da esplorare.

Nell’edizione Special Edition, il bracciale sport in questione include anche un chip NFC per eseguire pagamenti contactless senza usare il telefono. La suggeriamo a tutti gli sportivi che vogliono sì, precisione e tutti i dati a portata di tap, ma anche un po’ di funzionalità hi-tech esclusive, come appunto quella dei pagamenti contactless tramite Fitbit Pay.

Migliore bracciale sport corsa

Se è il movimento su un tracciato ciò che vi interessa andare ad analizzare, che sia una corsa vera e propria, jogging e simili, allora vi servirà senza ombra di dubbio un bracciale sport fatto appositamente (o quasi) a tal fine. In questo caso avere un GPS dedicato, per essere indipendenti dallo smartphone, rappresenta praticamente un obbligo a meno che non vogliate proprio puntare su qualcosa di molto basic.

Honor Band 5

Iniziamo dal bracciale sport per la corsa senza troppe pretese: Honor Band 5. In questo caso ci troviamo di fronte ad una smartband che merita il suo successo vista la dotazione spettacolare di sensori che mette a disposizione. Partendo dal design è possibile vedere che, nonostante la cifra necessaria per portarla a casa, Honor Band 5 è tutt’altro che dozzinale. Lo schermo anteriore è da quasi 1″ ed è AMOLED, con neri profondi e colori vividi chiaramente visibili anche alla luce del sole. Al suo interno troviamo poi, oltre ai classici giroscopi, anche il cardiofrequenzimetro H24 e, udite udite, anche un sensore per la valutazione della VO2, ovvero la saturazione dell’ossigeno nel sangue.

L’autonomia non è affatto da poco: parliamo di 6 giorni di utilizzo pieni con cardiofrequenzimetro sempre attivo, oppure 14 se disattivo. Sull’app Honor è possibile consultare tutto ciò che concerne le sessioni di corsa, benché il GPS in questo caso sia semplicemente condiviso, ovvero necessita dello stretto collegamento ad uno smartphone per funzionare. In questo modo sarà dunque possibile monitorare precisamente il proprio percorso, raffrontandolo con i risultati dal punto di vista corporeo (calorie bruciate, battito cardiaco, e simili).

Scegliete questo bracciale sport per la corsa se volete davvero il minimo indispensabile, ma comunque avere un ottimo prodotto per quello che costa.

Huawei Band 4 Pro

Diciamoci la verità: il GPS, se correte settimanalmente una o due volte, è una cosa che la vostra smartband dovrebbe avere. In questo caso troviamo all’interno di questa guida Huawei Band 4 Pro, la scelta senza ombra di dubbio più economica se volete avere a disposizione un bracciale sport. In questo caso ci troviamo di fronte ad un prodotto con uno stile senza dubbio da non sottovalutare, anzi. Fresca di 2020, questa mette a disposizione un design compatto ma completo, con uno schermo frontale da 0.95″ dotato di risoluzione 240 x 120 pixel. I suoi colori sono nitidi, con neri profondi e tutto piuttosto visibile anche alla luce esterna. Il pannello è protetto da un vetro 2.5D che accompagna l’arrotondamento sui bordi durante l’utilizzo via swipe.

All’interno troviamo cardiofrequenzimetro H24 e possibilità di misurare la VO, ma anche, come detto, un bel modulo GPS indipendente in grado di tenere traccia dei percorsi fatti senza collegamento con uno smartphone. Alimenta tutto il sistema una batteria da 100 mAh che riesce a raggiungere ben 7 ore continue di utilizzo con GPS, oppure fino a 7 giorni di utilizzo classico a GPS spento (condiviso dallo smartphone). Non una scelta così malvagia se volete portare, magari solo in alcune sessioni urbane vicino casa, solo la smartband lasciando telefono a casa.

Ovviamente Huawei Band 4 Pro è resistente all’acqua fino a 5 atmosfere. Siamo di fronte al bracciale sport per la corsa col prezzo di accesso più interessante in assoluto. L’app companion di Huawei non è malvagia, anzi, sebbene non abbia come è ovvio che sia anni ed anni di esperienza alle spalle sul settore come i brand più noti (vedi prodotto successivo).

Garmin Vivosport

Giungiamo alla vetta della nostra sezione del migliore bracciale sport da corsa e troviamo un prodotto che, benché sia ormai giunto sul mercato da un paio di anni, rappresenta ancora una eccellenza. Parliamo di Garmin Vivosport, smartband che rappresenta tutt’ora una scelta assolutamente azzeccata per gli amanti dell’outdoor. Con un design un po’ retrò ma comunque dotato di un display a colori piuttosto chiaro, Vivosport dispone di tutto l’indispensabile per correre. Sono presenti un piccolo display da 72 x 144 pixel per le informazioni base, un sensore per il battito cardiaco H24 e anche la misurazione della ossigenazione sanguigna (VO2).

Come detto, il suo elemento cardine è il modulo GPS indipendente. Questo riesce a monitorare lo spostamento nello spazio per ben 8 ore di utilizzo continuo: potrete dunque fare anche un paio di maratone, senza il minimo dei problemi. L’autonomia si estende comunque fino a ben 7 giorni, qualora il modulo GPS rimanesse dormiente e la posizione venisse estrapolata dal proprio smartphone. Non manca proprio nulla insomma, soprattutto se consideriamo l’ottima app dettagliata di Garmin disponibile su iOS e Android. Ovviamente è garantita la resistenza ai liquidi fino a 5 ATM (50 metri).

È senza dubbio il bracciale sport da scegliere se fate corsa in outdoor e volete puntare al top.

Migliore bracciale sport nuoto

Se siete appassionati di nuoto, scegliere un bracciale sport orientato a questo utilizzo è cosa saggia e giusta. C’è da dire, mettendo le mani avanti, che tutte le band che vi suggeriamo all’interno delle nostre guide sono comunque di base idrorepellenti e con una resistenza alle immersioni fino a 5 atmosfere (circa 50 metri). Se avevate dunque paura di danneggiarle, niente paura: il mercato ormai ha portato tutte le certificazioni per la resistenza all’acqua e al sudore anche sui prodotti più economici. Va detto però c’è di più: non tutte le band monitorano a dovere le vasche, gli stili di nuoto e via discorrendo: vediamo tutti i prodotti dedicati.

Xiaomi Mi Band 5

Iniziamo la sezione dedicata al migliore bracciale sport da nuoto con un prodotto davvero economico ma che riesce ad offrire il minimo indispensabile per chi, saltuariamente, va in piscina o fa qualche nuotata d’estate. Parliamo di Xiaomi Mi Band 5, la campionessa delle smartband economiche che racchiude al suo interno tutto l’indispensabile per il tracking delle attività di nuoto. Non mancano infatti un sensore cardiofrequenzimetro per il battito cardiaco, in monitor H24, ma anche un ottimo display a colori con cui interagire anche a mani umide, con colori vividi e neri profondi.

Il software presente al suo interno consente di avviare il tracking di una sessione di nuoto, purché questa sia appunto controllata in prima persona – niente di automatico. All’interno della voce dedicata troviamo infatti un form per il nuoto in piscina all’interno del quale è necessario inserire i metri della suddetta: il resto verrà da sé. La band riesce ad intercettare qual è lo stile di nuovo, la distanza percorsa, le calorie bruciate, il numero di vasche e così via.

Uno dei punti di forza della Mi Band 5 è sicuramente l’ottima autonomia che si prolunga fino a 7 giorni di utilizzo con cardiofrequenzimetro sempre attivo. L’idrorepellenza è garantita fino a 50 metri di profondità.

Moov Now

Apriamo il capitolo nuoto della nostra personale selezione del migliore bracciale sport con il Moov Now, un dispositivo davvero molto molto particolare. A differenza di tutti i prodotti presenti all’interno della nostra guida, il Moov Now è l’unico a non mostrare un display per tenere traccia dell’allenamento in esecuzione.

La strategia di Moov è quella di lasciare concentrato l’atleta nel portare avanti il proprio lavoro senza essere in qualche modo interrotto da notifiche o altro. Questo ovviamente crea un leggero deficit: il Moov Now non è pensato per gli sportivi che hanno necessità di tenere traccia molto spesso del proprio andamento. È ovviamente presente un’applicazione mobile per scoprire tutte le statistiche sul proprio allenamento, ma niente di più.

È quindi estremamente importante tenere bene a mente che il Moov Now, una volta indossato, non dà alcun tipo di feedback durante il proprio allenamento. Per quanto riguarda il nuoto, bisogna avere l’accortezza di impostare a priori la grandezza della vasca; una volta fatto, il piccolo bracciale sport è in grado di tracciare l’andamento del proprio allenamento, la velocità, la distanza percorsa per bracciata, il tempo di riposo, le calorie bruciate e tanto altro.

Lo consigliamo come migliore bracciale sport nel caso in cui non fosse necessario controllare i valori dell’allenamento mentre lo si compie, ma solo dopo, con calma, direttamente dal proprio smartphone.

Fitbit Inspire 2

Lascia un commento