PC gaming 2000 Euro: come creare una build degna di questo budget

PC gaming 2000 Euro: come creare una build degna di questo budget

N.B. Questa guida all'acquisto, proprio come tutte le altre, è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo.

Leggendo questo articolo potrai scoprire quali sono al momento le migliori soluzioni per costruire una build PC gaming 2000 Euro davvero degna di questo nome. Similmente a quanto abbiamo già fatto con la nostra guida sui PC gaming 1000 Euro, andremo a selezionare per voi le componenti migliori, così da risparmiarvi il fastidio di scrutare il mercato per scoprire quali siano i prodotti più meritevoli.

PC gaming 2000 Euro: quale comprare

Il limite del budget fortunatamente in questo caso non è un qualcosa di fastidioso o che limiterà notevolmente la libertà di selezione delle componenti. Le combinazioni di hardware possibili con un budget di 2000 Euro per creare qualcosa di meritevole non sono poche, e vi è un bel po’ di margine anche per optare per l’integrazione di alcune componenti più “esotiche”, come ad esempio un SSD NVMe. Di conseguenza, noi andremo a consigliarvi più di una build, così da darvi modo di scegliere quella più indicata a soddisfare le vostre esigenze o, perché no, mescolare le componenti che vi suggeriamo.

Prima di passare alle selezioni, vi sono un paio di punti da sancire. Il primo è che un per creare un PC gaming 2000 Euro al momento è un budget davvero importante, che riesce ampiamente ad offrire risultati stupefacenti. Di conseguenza, visto anche il livello di customizzazione considerevole che potrete fare a seconda dei vostri gusti personali in questo articolo 2000 Euro lo intendiamo più come tetto massimo. A seconda delle vostre decisioni di acquisto, quindi, combinando i vari articoli presenti in questa guida potrete fare una build tra i 1.500 ed i 2.000€.

La scheda madre: qualcosa di capace, con possibilità di overclocking

Se si vuole adottare un’analogia con l’anatomia umana, la scheda madre (conosciuta anche come motherboard, o MOBO) può essere considerata l’equivalente del sistema nervoso. Ogni componente ed il suo funzionamento, infatti, dipende ed è coordinato dalla MOBO, quindi adottare una soluzione che è in grado di garantire prestazioni più che soddisfacenti è di primaria importanza.

Nonostante questo, la scheda madre non è affatto una delle componenti più costose, però vista la natura di fascia alta di questa configurazione PC gaming 2000 Euro riteniamo doveroso suggerire qualcosa di superiore alla media. Nello specifico, la scheda madre gaming che visioniamo come ideale per questa build deve vantare buoni livelli di versatilità e connettività, ma anche un certo margine per chi desidera comprare RAM più prestanti della media o, perché no, cimentarsi in overclocking leggero.

MSI MPG Z390 Gaming Edge AC

Riteniamo che questa soluzione, in virtù del buon rapporto qualità/prezzo, sia la più consigliabile per qualsiasi delle configurazioni che vogliate sviluppare con i prodotti sottostanti. Dal supporto fino a tre GPU alla possibilità di overclock della RAM fino a 4.400 MHz, dall’inclusione di due slot M.2 per gli SSD NVMe all’ottima connettività a livello di porte USB e non solo, questa MOBO vanta davvero tutto il necessario per garantire il buon funzionamento di una build PC gaming 2000 Euro degna di questo nome.

Il processore: prestazioni e longevità ottime, dunque Intel i7

Passando ora a parlare del processore (o CPU), in questo caso riteniamo davvero scontato suggerirne uno ed un solo: il più recente modello di Intel Core i7. Grazie alla sua potenza e buona ottimizzazione in generale ma anche da un punto di vista prettamente videoludico, non pensiamo sia utile andare a consigliare qualcosa di diverso.

Un i5 è sicuramente capace di far videogiocare, ma non è ben indicato per titoli estremamente intensivi sulla CPU, come gli strategici in tempo reale. In aggiunta, grazie all’acquisto di un i7 avrete sostanzialmente la garanzia che per tanti anni a venire (almeno 4-5) avrete una CPU sempre adatta e mai carente sotto nessun punto di vista in ambito gaming.

Intel i7 9700K

Quando si tratta di gaming e di configurazioni PC di fascia alta, l’Intel i7 è sempre una garanzia di qualità. L’alta potenza di calcolo e buona ottimizzazione impedisce il formarsi di colli di bottiglia quando si tratta di impiegare una o più GPU di fascia alta. Inoltre, grazie ai suoi sei core/dodici thread che operano fino ad un massimo di 4,9 GHz in modalità Turbo (3,6 GHz di base) non avrete nessun problema in alcun gioco, neppure in quelli dove è previsto un uso intenso della CPU.

Il dissipatore: ad aria o a liquido

Tenere il processore in un regime di temperatura ottimale non è affatto una cosa da poco, e l’efficienza di un dissipatore andrà a determinare in maniera radicale la longevità ed efficienza della CPU. Comprare qualcosa di non solo sufficiente ma più che sufficiente dunque è davvero imperativo, specialmente in virtù del fatto che in questa build PC gaming 2000 Euro vi abbiamo suggerito l’acquisto di un Intel i7 K, quindi con possibilità di overclocking. Le opzioni a vostra disposizione sono due: un dissipatore ad aria o a liquido. Entrambe le soluzioni possono portare ad ottimi risultati, non c’è dubbio al riguardo, ma ciascuna ha i suoi pregi e difetti.

Se da un lato una soluzione ad aria richiede pressoché zero manutenzione, è comunque vero che per raggiungere livelli di cooling analoghi bisogna spendere qualcosina in più. Un prodotto a liquido, invece, offre un effetto raffreddante più potente, ma i prezzi di base di partenza per ovvi motivi son più alti (sconsigliamo prodotti a liquido sotto i 50€) e richiedono manutenzione regolare per garantirne il funzionamento. Starà a voi scegliere cosa comprare. Noi vi suggeriremo due modelli che ben si adattano all’utilizzo per cui è intesa questa build PC gaming 2000 Euro, ma se desiderate comprare altro seguite questo consiglio: assicuratevi che sia bi-ventola, altrimenti gli effetti di cooling non saranno propriamente sufficienti per un i7.

CRYORIG R1

Quando si tratta di soluzioni ad aria, questo massiccio dissipatore munito di due ventole da 140 mm saprà tenere la vostra CPU bella fresca. L’Intel i7 9700K è un processore che è in grado di raggiungere temperature piuttosto alte, specialmente se si effettua azioni di overclocking. Questo Cryorig, però, saprà rispondere a questa esigenza in maniera davvero ottima, raffreddando il processore in maniera notevolmente buona anche per giochi molto esigenti. L’unica cosa a cui dovete prestare attenzione è che l’unità dissipante è di dimensioni relativamente grosse. Consigliamo l’acquisto solamente a chi dispone di un case sufficientemente capiente per accomodare le sue dimensioni importanti (ben 168,3 mm di altezza).

Enermax LiqMax III ARGB 240 Nero

Se state cercando una soluzione a liquido compatta, efficiente e poco vistosa allora Enermax Liqmax II 240 farà per voi. Le sue due ventole da 240 mm sono facili da fissare sul case, e grazie a delle speciali soluzioni d’aggancio è anche molto facile montare l’unità dissipante sulla CPU senza applicare una pressione eccessiva (utile per i principianti). Infine, vista l’inclusione di pad gommati anti-vibrazioni sarà possibile far operare il radiatore a velocità superiori senza generare rumori fastidiosi, aumentando ancor di più l’ottima efficienza di questo dissipatore a liquido.

La RAM: 16 GB è il quantitativo ideale

Ancora una volta ci troviamo a suggerire 16 GB di RAM, ed il motivo è davvero semplice: 16 GB è il taglio più sensato per build PC gaming 2000 Euro, ma in generale per qualsiasi computer assemblato di fascia media o superiore. La “vecchia” quantità base di un tempo (8 GB) è infatti un po’ poca per gli standard di oggi, ma ancor più importante è il fatto che più di 16 GB sono semplicemente inutili ora come ora in una RAM gaming oriented.

Per darvi un’idea, con 16 GB DDR4 potrete senza alcun problema far funzionare assieme il sistema operativo, qualche applicazione in background e persino un paio di videogiochi AAA moderni al tempo stesso, con pure un po’ di margine d’avanzo. Ciò non toglie, però, che vi sia comunque una decisione da prendere, ovvero la frequenza di lavoro delle RAM. Più alto è il valore, più velocemente opereranno ma ovviamente più costeranno. Se per voi la RAM non è una cosa prioritaria, potete benissimo acquistare un’opzione più nella media (la prima che vi suggeriamo. Nel caso invece non abbiate bisogno di conservare i soldi per build multi-GPU o con svariati SSD, vi suggeriamo allora di acquistare il secondo modello che andremo a suggerirvi, così da dotarvi di RAM ancor più prestanti.

Corsair Vengeance LPX 16 GB (3.000 MHz/3.200 MHz)

Quando si tratta di RAM 16 GB DDR4, questa soluzione di Corsair rappresenta da un po’ di mesi ormai la migliore opzione per qualità/prezzo. La sua velocità è piuttosto buona, anche se non altissima, ma questo non è affatto un male dato che rende possibile sfruttarla al massimo (in entrambe le varianti) con pressoché ogni MOBO. Infine, l’inclusione con l’acquisto di un’unità dissipante di metallo su tutti e due i banchi aiuta a mantenere una temperatura ottimale, donandole inoltre moderate possibilità di overclocking.

HyperX Predator 16 GB (4.000 MHz)

Se desiderate sviluppare un PC gaming 2000 Euro munito di RAM belle prestanti, però, il nostro consiglio è di puntare su questo modello. Grazie ai suoi 4.000 MHz di velocità operativa, infatti, questi 16 GB di RAM DDR4 sono davvero ottimi per il gaming e non solo. Difficilmente sentirete la necessità di effettuare overclock per potenziarne la velocità di lavoro, se non magari tra qualche anno, rendendo dunque anche questa componente davvero molto longeva in termini di rilevanza delle prestazioni nel corso degli anni.

La scheda video: delle RTX per rimanere al passo coi tempi

Ultimamente il mercato della scheda video gaming è stato scosso, nel bene o nel male, dall’arrivo della nuova generazione di GPU Nvidia. Potenti e prestanti, essendo capaci di sfruttare la tecnologia di ray tracing che le ha donato il nome (RTX) hanno avuto un lancio un po’ tumultuoso. Il prezzo iniziale era un po’ alto per quel che aspettava il pubblico, soprattutto vista la carenza di giochi che effettivamente usano il ray tracing.

Nei prossimi mesi ed anni, però, questo aspetto chiaramente migliorerà con l’arrivo di giochi che adottano la tecnologia. Inoltre, se si aggiunge il fatto che i prezzi sono scesi (tranne per la RTX 1080 Ti, che non andremo a consigliarvi anche per motivi di affidabilità poco ottimale) finalmente comprare schede RTX è diventato effettivamente un buon investimento. In aggiunta, ricordiamo che è pur sempre possibile comprare non una ma due schede video identiche, così da usarle in parallelo, ottenere prestazioni fenomenali ed aumentare considerevolmente la longevità in termini di potenza della build. Non è qualcosa di strettamente necessario, sia chiaro, ma se avete deciso di investire per una build PC gaming 2000 Euro col fine di ottenere una resa in-game superlativa, non possiamo che suggerirvi questa opzione.

MSI GeForce RTX 2070 ARMOR 8G

Se state cercando una soluzione per il gaming dall’ottimo rapporto qualità/prezzo e, perché no, ottima anche da acquistare in coppia per effettuare SLI allora questo prodotto è perfetto per la vostra build PC gaming 2000 Euro. Essendo una scheda RTX si tratta di una soluzione davvero molto potente, e questo modello specifico che abbiamo deciso di selezionare è quello che – a nostro avviso – vanta il miglior rapporto clock/prezzo. In conclusione, quindi, potrete giocare senza problema alcuno a giochi attuali anche con impostazioni grafiche particolarmente esose per la GPU come 1440p/144 Hz (4k/60 fps è decisamente possibile ma non a settaggi ultra con tutti i giochi) e continuare a farlo a lungo.

MSI GeForce RTX 2080 GAMING X TRIO

Quando il gioco si fa duro si vuole comprare una scheda video non solo estremamente potente, ma anche munita di un sistema di cooling di tutto rispetto, ed in entrambi questi frangenti questa RTX 2080 di MSI centra in pieno l’obbiettivo. A livello di clock base e boost MSI GeForce RTX 2080 GAMING X TRIO è davvero ottima, risultando dunque un’ottima scelta soprattutto per chi desidera comprare una GPU che deve reggere il test degli anni in maniera egregia; aspettatevi di spremere anche 5-6 anni da questa scheda video prima di sentire il bisogno effettivo di cambiarla!

In aggiunta, grazie al suo profilo relativamente molto sottile per una scheda video “modello 80”, è molto facile affiancarla ad una sorella gemella ed impiegarla in SLI, rendendo sfruttare i monitor da gaming più spinti, come i modelli dal refresh rate di 200 Hz, una realtà assolutamente fattibile.

Le unità di memoria: SSD SATA, NVMe, Hard Disk…a voi la scelta

Uno degli aspetti che per forza di cose sarà strettamente legato alle vostre esigenze personali è la tipologia, quantità e capienza di unità di memoria da acquistare. In linea di massima riteniamo che ogni PC gaming 2000 Euro dovrebbe avere a prescindere un minimo di 500 GB di SSD, possibilmente accompagnato da un HDD da 1 TB.

Western Digital Blue (1 TB)

Essendo un Hard Disk da 7.200 RPM in formato 3,5″, non c’è davvero molto da dire, se non che propone una capacità di storage buona in relazione al prezzo a cui viene proposto. Semplice, economico e pratico, Western Digital Blue saprà rispondere a dovere alle vostre necessità di memoria a basso prezzo.

Samsung SSD 870 EVO

Samsung 970 EVO Plus (500 GB/1 TB)

Se il vostro desiderio però è quello di munirvi di un prodotto capace, estremamente veloce ma pur sempre dal buon rapporto qualità/prezzo, 970 EVO è indiscutibilmente il modello più degno della vostra attenzione. A nostro avviso, ogni build PC gaming 2000 Euro dovrebbe avere un SSD M.2, e quando si tratta di questa tipologia di unità di storage difficilmente potreste trovarne di migliori. Offre infatti stupefacenti 3.500 MB/s di velocità di lettura e 3.400 MB/s di scrittura.

Sabrent SSD Rocket PCIe 4.0

Se state assemblando un nuovo PC da gaming che monta uno slot PCIe 4.0 e volete sfruttarlo al massimo, puntate subito gli occhi sul Sabrent SSD Rocket PCIe 4.0. Parliamo di una vera e propria bomba, adatto a chi vuole azzerare davvero al minimo i tempi di attesa per il caricamento di grossi dati, ma anche nella esportazione dei suddetti. Le performance raggiungono infatti e fino a 5000 MB/s in lettura e fino a 4400 MB/s in scrittura, numeri davvero da record. La memoria integrata è una Toshiba TLC NAND.

Il modello in questione arriva sia in edizione classica che accompagnato da un sistema di dissipazione; benché possiate avere un ottimo case dotato di ventole e raffreddamento a liquido vari, vi suggeriamo di comprare proprio l’edizione con dissipatore, per mantenere fresco il modulo alla fonte. L’endurance è davvero elevata: parliamo di 850 TBW per il modello da 500 GB1800 TBW per quello da 1 TB e 3600 TBW per quello da 2 TB. Vi consigliamo di puntare su quelli più capienti, qualora il vostro budget ve lo consentisse. Siamo di fronte al miglior SSD Gaming in assoluto.

L’alimentatore: 650 Watt per avere un buon margine

Corsair TX650M

Quando si tratta di acquistare qualcosa di capace, di qualità ed efficiente, Corsair vanta spesso e volentieri dei dissipatori davvero meritevoli della vostra attenzione e TX650M non è da meno. Il livello di efficienza è buona, essendo certificato 80 Plus Gold, e grazie ad un’ampia ventola la temperatura a cui lavorerà si terrà intorno ai 50°, donando dunque buona longevità a questo alimentatore semi-modulare da 650 Watt.

Corsair HX1000i

Il case: avere spazio senza investire troppo va bene, ma anche l’occhio vuole la sua parte

Ultimo ma non ultimo punto da trattare, il case gaming è primariamente una maniera conveniente di proteggere le componenti dalla polvere e garantire un buon riciclo d’aria. Come penso già sappiate, però, il case è anche una sorta di “status symbol” che distingue a colpo d’occhio una rig di una fascia da quello di un’altra. Di conseguenza, per tutta questa somma di motivi andremo a suggerirvi quelli che – a nostro avviso – rappresentano le due migliori soluzioni attualmente sul mercato. Entrambe sono capienti (una mid-tower molto grande ed una full tower) ed esteticamente sono anche davvero molto belle.

Thermaltake View 71 TE RGB

Concludiamo segnalandovi un case full tower di tutto rispetto, con dimensioni generose (242 x 544 x 542 mm), ed un livello di qualità di costruzione semplicemente fuori dal comune. Il metallo usato per creare lo chassis è robustissimo, ed i pannelli di vetro temprato da 0,5 cm che rivestono tutti i lati (tranne quello posteriore ed inferiore) sono ben concepiti sia a livello di design che di praticità. Sono infatti facili da rimuovere e garantiscono un flusso d’aria eccellente.

Dietro questo esterno estremamente intrigante troviamo uno spazio interno estremamente arioso. In questo spazio potremo alloggiare pressoché ogni componente disponibile sul mercato di oggi lasciando ampio spazio per far scorrere l’aria. Con l’acquisto sono incluse tre ventole RGB da 140 mm, nel modello che siamo andati ad evidenziare, e questo in concomitanza con i pannelli in vetro temprato e (a vostra discrezione) la possibilità di porre la GPU parallelamente alla scheda madre (grazie al sistema PCI-e Riser) donerà alla vostra build PC gaming 2000 Euro un look davvero da urlo.

Lascia un commento